RIFUGIO ALBERTO GRASSI
   
 

Il 31 luglio 1921 viene inaugurato il Rifugio Grassi.
E' stato costruito dai soci della Società Escursionisti Lecchesi in ricordo del vice presidente Alberto Grassi e di tutti i soci caduti nella Grande Guerra.
L'assurdità della storia vuole che nel secondo conflitto mondiale proprio il rifugio "muoia", distrutto dai nazi-fascisti.
Al termine della guerra il rifugio viene subito ricostruito.

 

Davanti: Rifugio Alberto Grassi DELLA SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI

ERETTO IN RICORDO DEI CADUTI DI GUERRA (Camisolo m. 2000 s. l. m.)

ITINERARI DI ACCESSO DA INTROBIO :

Per Valle Bora segnalazione + > Valbona > = > Foppabona > o - ed altri cinque -

ASCENSIONI DAL RIFUGIO : Pizzo Tre Signori m. 2554 - Pizzo Varrone m. 2332 - Pizzo di Trona m. 2508 - Pizzo Tronella m. 2314, ecc.

- Cima Cam, Valbona, Camisolo, ecc. - mete di escursioni invernali,

Consultare la Guida alla regione del Pizzo dei Tre Signori edita dalla Società Escursionisti Lecchesi.

Prezzo L. 4, comprese le cartine

Retro: SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI - Fondata nel 1899 Soci nel 1921: 750

Quota annua di associazione L. 10 - Sezione Sci S. E. L. quota annua L. 5

Bollettino Sociale - Proprietaria anche del Rifugio S. E. L. sulla Grigna Meridionale

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data 10.7.1922

Editore: ESCURSIONISTI LECCHESI EDIT. TIP. G. MAGNI - LECCO

Note: timbro RIFUGIO ALBERTO GRASSI SOC. ESCURSIONISTI LECCHESI

CAMISOLO Gruppo Pizzo Tre Signori M. 2000 S.L.M.

Davanti: Rifugio Alberto Grassi DELLA SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI

ERETTO IN RICORDO DEI CADUTI DI GUERRA (Camisolo m. 2000 s. l. m.)

Retro: nessuna scritta

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data 24.7.1922

Editore: ESCURSIONISTI LECCHESI EDIT. TIP. G. MAGNI - LECCO

Davanti: Inverno in Biandino (Valsassina) - Pizzo Tre Signori m. 2554

Retro: nessuna scritta

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Pasturo - data 17.8.1945

Editore: Foto edizioni Valsassinesi foto camoscio

Davanti: nessuna scritta

Retro: nessuna scritta

Spedizione: cartolina non viaggiata

Editore: nome editore non presente

Note: RIFUGIO ALBERTO GRASSI SOC. ESCURSIONISTI LECCHESI

CAMISOLO Gruppo Pizzo Tre Signori Mt. 2000 S.L.M.

Davanti: nessuna scritta

Retro: nessuna scritta

Spedizione: cartolina non viaggiata

Editore: nome editore non presente

Note: RIFUGIO ALBERTO GRASSI SOC. ESCURSIONISTI LECCHESI

CAMISOLO Gruppo Pizzo Tre Signori Mt. 2000 S.L.M. INAUGURAZIONE 31 LUGLIO 1921

 

Bollettino della Società Escursionisti Lecchesi - numero 7 del 12 Luglio 1915: Domenica 27 giugno si sparse la voce per la Città la triste nuova che il nostro Vice-Presidente Alberto Grassi era morto in un piccolo Ospedale da Campo a S.Giovanni di Manzano. Tutti i componenti il Consiglio della nostra Società, addoloratissimi ad un tale annuncio, si riunirono la sera stessa nella Sede Sociale, non per un preventivo accordo, ma per la necessità di trovare nella comunanza un sollievo al loro intimo dolore, per la perdita di un sì prezioso e caro collega quale fu il povero Alberto.

 

Davanti: nessuna scritta

Retro: Soc. Escursionisti Lecchesi Piazza 20 Settembre - LECCO Rifugio Alberto Grassi, m. 2000, e vetta Pizzo 3 Signori, m. 2555.

Spedizione: cartolina non viaggiata

Editore: NEG. SASSI

Davanti: Rifugio Alberto Grassi m. 2000 - Cima Camisolo m. 2157

Retro: SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI - LECCO Proprietà Sociali Capanna S.E.L. in Grignetta " R. Grassi (m. 2000) Pizzo Tre Signori (m. 2555) " E. Daina e Giancarlo Resegone (m. 1874) Sciatori: N. Castelli (m. 1650) Artavaggio. Rivista mensile gratis ai Soci. Quota annuale L. 15 - Vitalizia L. 150 - Sezione "SCI" L. 5.

Spedizione: cartolina non viaggiata

Editore: Neg. Sassi - Ediz. S.E.L. Brunner & C., Como

Davanti: Rifugio Alberto Grassi (m. 2000) al Passo di Camisolo

Retro: SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI - LECCO Proprietà Sociali Rifugio S.E.L. Grigna Meridionale " A. Grassi (m. 2000) Pizzo Tre Signori (m. 2555) " E. Daina e Giancarlo (m. 1860) Resegone " N. Castelli (m. 1650) Artavaggio. Rivista mensile gratis ai Soci. Quota annuale L. 15 - Vitalizia L. 150 - Sezione "Sci" L. 5.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro e data non leggibile

Editore: Neg. A. Sassi - Ediz. S.E.L.

Note: timbro RIFUGIO ALBERTO GRASSI SOC. ESCURSIONISTI LECCHESI CAMISOLO Gruppo Pizzo Tre Signori M. 2000 S.L.M.

 

Davanti: Prealpi Lecchesi - Rifugio Alberto Grassi m. 2000 e Pizzo Tre Signori m. 2555 - Neg. A. Sassi

Retro: nessuna scritta

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data 9.8.34

Editore: Edizione S.E.L. - Sezione C.A.I. - Lecco

Note: timbro SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI LECCO Rifugio A. GRASSI (m. 2000)

Davanti: RIFUGIO A. GRASSI m. 2000 al PASSO CAMISOLO (PIZZO TRE SIGNORI)

Retro: SOCIETÀ ESCURSIONISTI LECCHESI LECCO Piazza XX Settembre Rif. A. GRASSI m. 2000 - Importante centro per escursioni e ascensioni, traversate a Bobbio, alla Cà S. Marco Indirizzo postale: Custode Rif. Grassi Introbio - Da Lecco ad Introbio Km. 15 autopostale; Introbio-Biandino mulattiera in ore 2; al Passo di Camisolo e Rif. Grassi ore 1.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data 1.8.53

Editore: Ediz. S.E.L. Neg. Sassi

Note: timbro RIF. "A. GRASSI" al Passo di Camisolo - PIZZO DEI TRE SIGNORI

Davanti: nessuna scritta

Retro: Rifugio Alberto Grassi (m. 2000) e Pizzo 3 Signori (m. 2555)

Società Escursionisti Lecchesi - Sez. C.A.I, - Piazza XX Settembre - Lecco

Ediz. S.E.L. Neg. Sassi

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Piazza Brembana - data 9.8.37

Editore: Ediz. S.E.L.

Davanti: PIZZO TRE SIGNORI E RIFUGIO GRASSI, DAL PASSO DI CAMISOLO

Retro: Pizzo Tre Signori e Rifugio Grassi, dal Passo di Camisolo Società Escursionisti Lecchesi - sez. C.A.I. - Piazza XX Settembre - Lecco

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Asso - data 3.8.39

Editore: Ediz. S.E.L.

Note: timbro RIF. GRASSI M. 2000 (PIZZO 3 SIGNORI)

Davanti: RIFUGIO GRASSI m. 2000 e CAPPELLETTA GIULIO RIPAMONTI (ricordano i Caduti per la Patria)

Retro: SOCIETÀ ESCURSIONISTI LECCHESI LECCO Piazza XX Settembre Rif. A. GRASSI m. 2000 - Importante centro per escursioni e ascensioni, traversate a Bobbio, alla Cà S. Marco Indirizzo postale: Custode Rif. Grassi Introbio - Da Lecco ad Introbio Km. 15 autopostale; Introbio-Biandino mulattiera in ore 2; al Passo di Camisolo e Rif. Grassi ore 1.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data e francobollo non presenti

Editore: Ediz. S.E.L. Neg. Sassi

Note: timbro RIF. "A. GRASSI" al Passo di Camisolo - PIZZO DEI TRE SIGNORI

Davanti: Rifugio Grassi (m. 2000) al Passo di Camisolo

Retro: SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI - LECCO Proprietà Sociali Capanna S.E.L. in Grignetta " R. Grassi (m. 2000) Pizzo Tre Signori (m. 2555) " E. Daina e Giancarlo Resegone (m. 1874) Sciatori: N. Castelli (m. 1650) Artavaggio. Rivista mensile gratis ai Soci. Quota annuale L. 15 - Vitalizia L. 150 -
Sezione "SCI" L. 5.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro S. Giovanni Ran - data 6.8.28

Editore: Neg. Sassi - Ediz. S.E.L. Brunner & C., Como

Note: timbro RIFUGIO ALBERTO GRASSI SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI CAMISOLO Gruppo Pizzo Tre Signori M. 2000 S.L.M.

 

Un interessante articolo apparso su "Le Vie d'Italia", rivista mensile del Touring Club Italiano, uscita nel giugno 1946, racconta "i rifugi delle Prealpi Lombarde - distruzioni e ricostruzioni".
L'articolo è di Silvio Saglio. Eccone alcuni tratti:
I rifugi alpini, costruiti sulle vette che dominano vasti orizzonti, sulle selle di lunghe giogaie, al margine dei lariceti e delle abetaie, sulle fiancate pascolive, sui poggi acclivi e nei sassosi circhi terminali delle valli, sono per gli amici della montagna una vera provvidenza, dando loro ricetto e vitto, e assicurando una preziosa base alle loro escursioni e ascensioni. Nelle Prealpi Lombarde questi utili fabbricati, ora modesti ricoveri, ora veri alberghetti, potevano dirsi, prima della guerra, ben distribuiti in quelle zone che, per la loro posizione o per la loro bellezza, erano maggiormente apprezzate e frequentate.

... Analoga a quella della Grigna Settentrionale è la situazione dell'opposto versante della Valsassina, nei gruppi che si imperniano intorno ai nomi del Pizzo dei Tre Signori, dello Zuccone dei Campelli e del Resegone.
L'ubicazione di questo tratto delle Prealpi Bergamasche e delle Alpi Orobie, determinò nei suoi rifugi il crearsi di una base naturale per l'afflusso improvviso, nell'agosto del 1943, dei prigionieri di guerra che, direttamente dalla Valtorta, dai Piani di Bobbio e da Artavaggio, cercarono di avvicinarsi, attraverso la Val del Bitto, alla Valtellina, per passare poi il confine delle Alpi Retiche e trovare ricetto nella vicina Confederazione Svizzera. Furono continue colonne in arrivo e in partenza, che comprendevano individui sani e bene equipaggiati ed altri in precarie condizioni fisiche. Tutti pernottavano nei rifugi, mangiavano e bevevano come potevano e si rimettevano poi in marcia, ben guidati, verso l'ignoto.
Racconta l'Annetta - una robusta sposa che fungeva da custode al Rifugio Grassi, alla Bocchetta del Camisolo - che le tariffe erano abolite; qualcuno dava di sua spontanea volontà, altri ringraziavano rivolgendo benedizioni, e nel commiato, che avveniva al Castel Reino, ai piedi della rampa terminale del Pizzo dei Tre Signori, dove erano accompagnati e instradati, si rinnovavano le promesse di riconoscenza. Questo passaggio continuo ed incessante durò fino al mese di ottobre quando il rifugio si chiuse e la chiave scese a valle con il custode. Ma nella toppa girava un'altra chiave, perchè lassù si adunavano le prime punte partigiane Valsassinesi, che presero poi il nome di formazioni Pizzo dei Tre Signori.
Fra gli ospiti v'erano anche stranieri, e le punte sparse un poco dovunque ammassavano nella zona armi e munizioni e, nelle gallerie delle vecchie miniere, viveri per l'imminente inverno. Il Rifugio Grassi, che nella terminologia partigiana divenne lo scatolin del luster ospitò tante persone, e per così lungo tempo, come non mai. Non fu più posto di transito, ma base e centro d'irradiazione e di collegamento con Bobbio-Artavaggio e Gerola Alta-Valsassina dall'altra. La zona assunse una tale importanza, che la rappresaglia era facilmente prevedibile.
Questa s'inizio nell'ottobre 1943 con la distruzione del Rifugio Pio XI alla Bocchetta di Trona e continuò con gli incendi del Rifugio Bocca di Biandino e del Rifugio Tavecchia nella Conca di Biandino, del Rifugio Pio X, oasi di pace e di fede, allo Zucco di Cobbio, del Rifugio Santa Rita alla Bocchetta della Cazza, sulla costiera del Pizzo Varrone. Il Rifugio Grassi, in seguito, venne completamente sventrato; l'incendio provocò lo scoppio di alcune mine, che scoperchiarono il fabbricato e ne incrinarono i muri in modo tale da far dubitare sulla possibilità della loro utilizzazione.

... Miglior sorte ebbero le capanne allineate lungo la costiera principale delle Alpi Orobie, che, staccandosi dalla catena alpina al Passo dell'Aprica e terminando con il Monte Legnoncino, separa il profondo e largo solco della Valtellina dalle aspre testate delle Alpi Bergamasche.

... e la Cà San Marco, antichissima cantoniera ancora ornata dall'alato leone, non hanno avuto danneggiamenti notevoli, almeno nella costruzione, e sono perciò in grado di esercitare in misura più o meno ridotta la loro nobile ed utile funzione.
Diceva tempo fa la custode del Rifugio Grassi, già da noi ricordata: "Se le benedizioni datemi in tutte le lingue dai prigionieri di guerra inglesi, americani e slavi, se le promesse dei partigiani si avverassero, i rifugi dovrebbero risorgere rapidamente più belli e grandi di prima". Si potrà dunque pensare a miracolose soluzioni o ad aiuti consoni ai grandi servigi che i rifugi hanno dato a suo tempo? Per i gravissimi danni arrecati alle Associazioni alpinistiche ed escursionistiche, che ora non sono assolutamente in grado di far fronte con le proprie forze a tante distruzioni, per la necessità di avviare alla montagna tanti giovani, per le necessità del turismo, una delle più grandi ricchezze della nostra martoriata Italia, si aspetta una prova tangibile di riconoscenza e di solidarietà.
Silvio Saglio

 

Davanti: RIFUGIO GRASSI e CAPPELLETTA RIPAMONTI

Retro: SOCIETÀ ESCURSIONISTI LECCHESI LECCO Piazza XX Settembre Rif. A. GRASSI m. 2000 - Importante centro per escursioni e ascensioni, traversate a Bobbio, alla Cà S. Marco Indirizzo postale: Custode Rif. Grassi Introbio - Da Lecco ad Introbio Km. 15 autopostale; Introbio-Biandino mulattiera in ore 2; al Passo di Camisolo e Rif. Grassi ore 1.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data 18.8.??

Editore: Ediz. S.E.L. Neg. Missaglia

Davanti: RIFUGIO GRASSI m. 2000 e PIZZO TRE SIGNORI m. 2555

Retro: Società Escursionisti Lecchesi Lecco Piazza XX Settembre Rif. A. GRASSI m. 2000 - Importante centro per escursioni e ascensioni, traversate a Bobbio, alla Cà S. Marco Indirizzo postale: Custode Rif. Grassi Introbio - Da Lecco ad Introbio Km. 15 autopostale; Introbio-Biandino mulattiera in ore 2; al Passo di Camisolo e Rif. Grassi ore 1.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro località non leggibile - data 20.8.1957

Editore: Ediz. S.E.L.
 

Davanti: INTROBIO RIFUGIO ALBERTO GRASSI CAMISOLO m. 2000 e Pizzo Tre Signori (m. 2554)

Retro: SOCIETÀ ESCURSIONISTI LECCHESI LECCO Piazza XX Settembre Rif. A. GRASSI m. 2000 - Importante centro per escursioni e ascensioni, traversate a Bobbio, alla Cà S. Marco Indirizzo postale: Custode Rif. Grassi Introbio - Da Lecco ad Introbio Km. 15 autopostale; Introbio-Biandino mulattiera in ore 2; al Passo di Camisolo e Rif. Grassi ore 1.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Pasturo - data 14.7.70

Editore: Ediz. S.E.L. Neg. Bellomi

Note: timbro RIFUGIO ALBERTO GRASSI CAMISOLO m. 2000

 

Ecco la prefazione del libretto, pubblicato nel 1921, a titolo "Il Rifugio A.Grassi Guida alla Regione del Pizzo dei Tre Signori" della S.E.L.: La "Società Escursionisti Lecchesi" nella ricorrenza del XX° Anniversario della fondazione (1899-1919), ha deciso di tributare un riverente doveroso omaggio alla memoria dei valorosi Caduti, combattendo, per il santo ideale della Patria: fronde fiorite crudelmente recise; speranze, per felici saggi, sicure, eternamente spente; i nostri Morti sono e debbono essere sempre presenti alla mente ed al cuore di tutti , perchè essi hanno creduto, hanno lottato, hanno dato la vita per l'ora della redenzione, della fede, della giustizia.
La "Società Escursionisti Lecchesi" a tale scopo ha eretto un Rifugio Alpino, affinchè esso simbolo ed altare di invitta fede negli alti destini della Patria, che sono strettamente legati alla grande cerchia alpina, e di affettuosa riconoscenza per chi alla Patria ha dato opere, pensieri e vita, ed ancora perchè il ricordo di questi nostri Morti gloriosi abbia a rimanere imperturo esempio del loro usato valore, e del sublime loro sacrificio, e, come fiamma sempre viva, abbia ad ardere e rischiarare ogni nobile opera nostra.
La nuova Capanna, per spontanea unanimità di voti e di decisioni, è intitolata al nome del compianto concittadino Alberto Grassi. Nella sacra memoria di Lui, appassionato cultore dell'alpinismo e mente direttiva della "Escursionisti" che, primo fra i Soci della Società e primo fra i Cittadini, diede con entusiastico ardore il tributo della propria vita per la grandezza della Patria, è giustamente perpetuato il ricordo di tutti coloro - Soci e non Soci - conosciuti ed ignoti - ce lo seguirono nel sublime sacrificio.
L'opera compiuta con la cooperazione di tutti i buoni è novella prova dei patriottici ed elevati sensi di nostra Gente, a nessuna seconda nelle sublimi conquiste e nelle vittoriose affermazioni di trionfante civiltà.
Ad integrare degnamente il fausto evento del battesimo del Monumento Alpino in memoria dei nostri Morti, è venuto spontaneo il contributo dell'esimio amico dei monti e nostro, Prof. Magni (Presidente delle Commissioni Pro Rifugio), il quale, con la nota e speciale sua competenza, ha compilato la presente "Guida alla Regione del Pizzo dei Tre Signori" che vede la luce sotto i migliori auspici poi che viene dedicata alla schiera degli Escursionisti Caduti nella Grande Guerra a fine che la passione ch'era in Loro abbia a rinnovarsi incessante nella gioventù nostra.
Un ringraziamento alle Commissioni Pro Rifugio, ai Soci ed agli Amici, che con la loro attività e generosità hanno permesso di realizzare il nostro scopo, mantenendo i voti fatti. Lecco, 31 Luglio 1921 Il Consiglio Direttivo della S.E.L.

 

Davanti: DAL PASSO DI CAMISOLO m. 2010

Retro: Pizzo Trona m. 2508 - Pizzo Tre Signori m. 2555

Rifugio Grassi m. 2000 - Passo di Camisolo.

SOCIETA' ESCURSIONISTI LECCHESI - LECCO Piazza XX Settembre

Rif. A. GRASSI m. 2000 - Importante centro per escursioni, traversate a Bobbio, alla Cà S. Marco - Indirizzo postale: Custode Rif. Grassi - Introbio - Da Lecco ad Introbio Km. 15 autopostale ; Introbio-Biandino mulattiera in ore 2 ; al Passo di Camisolo e Rif. Grassi ore 1.

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro località non leggibile - data 16.8.56

Editore: Foto Sassi

Davanti: nessuna scritta

Retro: Prealpi Lecchesi - Rifugio Alberto Grassi m. 2000 Pizzo di Trona e Pizzo Tre Signori m. 2555

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data non leggibile

Editore: C.A.I. - Sez. Lecco - Piazza C. Ciano - Lecco Neg. A. Sassi

Note: data scritta 23-7-42 timbro CENTRO ALPINISTICO ITALIANO SEZIONE DI LECCO RIFUGIO BOCCA DI BIANDINO ?? (PREALPI LOMBARDE)

Davanti: Prealpi Lecchesi - Rifugio Alberto Grassi m. 2000 - Pizzo di Trona e Pizzo Tre Signori m. 2555 (Neg. A. Sassi)

Retro: nessuna scritta

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Introbio - data 6.8.38

Editore: Ediz. Sezione S.E.L. del C.A.I. - Lecco

Note: timbro Società Escursionisti Lecchesi LECCO Rifugio A. GRASSI (m. 2000)

Davanti: Pascolo di Biandino e Rifugio Grassi m. 2000

Retro: nessuna scritta

Spedizione: cartolina viaggiata - timbro Primaluna - data 11.9.1942

Editore: Ed. Colzani - Lecco - Foto Belloni